Questa pagina fa uso di cookie. Visitando questo sito si autorizza l'impiego di cookie.

La mafia non è “Cosa nostra”!

 

Articolo realizzato dagli alunni della classe IV B linguistico


legalitria 1

In occasione della seconda edizione del Festival "Legalitria", in programma dal 30 aprile al 05 maggio 2019 nei comuni di Alberobello, Cisternino, Fasano, Locorotondo e Martina Franca sono state organizzate, in diversi istituti scolastici, interessanti attività mirate alla sensibilizzazione sulla cultura della legalità.

"La mafia è l'incapacità della società di reagire, l'indifferenza in cui lascia che le cose accadano. Siamo noi quando non vediamo o facciamo finta di non vedere". Queste le forti ed al contempo stimolanti parole di Sandro De Riccardis, riportate nel suo saggio "La mafia siamo noi", presentato sabato 04 maggio alle classi IVBL, IIAcl, IAcl, VBgin. del Liceo "Tito Livio".

Gli studenti sono stati i protagonisti di una dinamica conferenza-dibattito durante la quale l'autore del libro, nonché giornalista del noto quotidiano nazionale "La Repubblica", con la collaborazione del collega Gianni Svaldi, ha dimostrato con acume e senso critico come la conoscenza della nostra realtà socio-culturale sia il primo ma fondamentale passo per un cambiamento di rotta nella lotta alla mafia ed alla cultura dell'illegalità e del compromesso che questa veicola.

legalitria 2

La mafia odierna è rappresentata dai "colletti bianchi": è efficiente, intelligente, si avvale di professionisti della finanza e raramente ha bisogno di uccidere o di compiere stragi. Esercita invece un controllo tentacolare sul territorio e sulle istituzioni, tramite pressioni, intimidazioni, corruzione. Essa contamina come un cancro gli organi istituzionali per realizzare i propri fini illeciti e ottenere un potere antitetico a quello esercitato dallo Stato.
La fiducia in un radicale mutamento di questa deteriore forma mentis è riposta nelle giovani generazioni come si evince dalle parole del tenace magistrato Paolo Borsellino: "Se la gioventù le negherà il consenso, anche l'onnipotente e misteriosa mafia svanirà come un incubo".

I nostri studenti hanno colto con notevole entusiasmo e senso civico il valore della legalità che deve sempre costituire l'unica chiave possibile per aprire le porte del loro futuro professionale.